Skip to content

Ti voglio bene, senza alibi

Aspettiamo: i compleanni, i natali, i funerali. Non importa quanto, noi aspettiamo: che sia il momento giusto. Che ci sia un motivo. E che sia valido, o almeno abbastanza a darci il permesso e il beneplacito e la benedizione divina. Abbiamo coscienza del tempo che passa, ma noi preferiamo aspettare: di trovare un alibi. Una scusa quantomeno plausibile, ai nostri occhi come a quelli del mondo intero. Un orario decente.

Aspettiamo intere vite, per abbracciare. Per comprare fiori. O soltanto per dire: Ti voglio bene. Faccio il tifo per te.
Senza sporgerci quel tanto in più che basta a farci perdere l’equilibrio e il controllo. Senza sembrare stupidi.

Come se l’amore fosse intelligente. Come se avesse bisogno di scuse e alibi e autorizzazioni in carta bollata. Come se aspettasse il compleanno o il natale o il funerale per esplodere.
Come se un lunedì, 23 marzo – per esempio – non fosse abbastanza.

Oggi ho smesso di aspettare: ho abbracciato, comprato fiori e detto ti voglio bene.
Mi sono sentita stupida. Esposta. Vulnerabile.
Ma mai così felice di esserlo.

Categories:ispirazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *