Skip to content

A passeggio tra i Vicoli Santi di Napoli

dsc_0128-copia

C’è stato un tempo in cui ha desiderato farsi prete, poi è diventato stilista. Sì, ma di Vicoli Santi.
Perché a Napoli, mi spiega nel suo Atelier in Via Dei Mille n. 1, in ogni vicolo c’è una piccola bacheca con un santo. E – aggiungerei – davanti ad ogni bacheca, ci sono sempre un mazzo di fiori e una bellissima donna che prega.

Lui è Luciano Esposito, fashion designer partenopeo che nel suo fare moda ha conservato un po’ di quel sacro che dall’età di 18 anni lo affascina così da riproporre, nelle sue collezioni, i colori, le passamanerie, le ispirazioni legate al mondo della chiesa. Non senza un pizzico di ironia e uno spiccato senso dello stile.
Alle spalle un’esperienza lavorativa nel campo della moda al Nord Italia presso i colossi del fashion system come Dolce & Gabbana, Gianfranco Ferré e Romeo Gigli, poi il desiderio di aprire una sartoria propria e creare un brand che parlasse di lui. Così è tornato a Napoli. Napoli perché è barocca. Napoli «perché da qui è passato il mondo». E qui sogna di restare come sede e cuore di Vicoli Santi, ma sogna anche di ampliare i suoi orizzonti e far conoscere le sue collezioni a Roma e a Milano.

Mi accoglie nel suo Atelier – concepito come salottino in cui rilassarsi e concedersi un po’ di bellezza – e mi racconta la storia delle sue collezioni. Ogni collezione è preceduta da una lunga fase di ricerca: dai tessuti – materiali che sente di poter fare suoi – alle stampe particolari (spesso disegnate per l’occasione, trasformate o mixate tra loro). Poi inizia la «catena»: il disegno, il taglio, il cucito e infine il ricamo – a cui ama dedicarsi personalmente – in cui è importante l’energia che circola nell’equipe.

Oggi sta ultimando la prossima collezione Alta Moda in cui, mi anticipa, troveremo il barocco con la pittura. «E’ l’anno dell’oro» aggiunge e nel frattempo mi mostra la collezione ispirata a San Gennaro, un prêt-à-porter sartoriale formato da cinque tasche, abiti lunghi, tubini e persino t-shirt, in cui a dominare è una stampa della sagoma di San Gennaro impostata sul gioco di tre colori – bianco, nero e rosso sangue -. A completare la collezione alcuni pezzi con stampe botticelliane che rimandano subito ai mondi folkloristici della tarantella, da sdrammatizzare su un jeans.

Immerso nel presente e proiettato al futuro, guarda indietro nel tempo, Luciano Esposito, studia l’evolversi della moda nella storia e per Vicoli Santi si ispira alle dive, dalla puteolana Sofia a quelle hollywoodiane, auspicando il ritorno ad una donna femminile, magari generosa nelle forme e con uno stile proprio. Quello che, in un mondo dominato dagli enormi monomarca, solo il sartoriale – solo il fatto a mano e cucito addosso – può sublimare in moda.

dsc_0125-copia dsc_0126-copia dsc_0129-copia dsc_0130-copia dsc_0131-copia dsc_0132-copia dsc_0133-copia dsc_0134-copia dsc_0137 dsc_0141-copia

Categories:appunti di moda

Primo commento

  1. ROSALBA ROSALBA

    Complimenti una collezione tutta da vedere.La tua napoletanità farà si che questa collezione sarà molto apprezzata.Auguri .Spero di conoscerti da vicino.Rosalba GRILLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *