Skip to content

Categoria: ispirazioni

Domenico & Stefano: grazie!

Per averci ricordato di essere orgogliosi di noi.

Per averci fatto vedere Napoli attraverso i vostri occhi – privi di pregiudizi e colmi di curiosità – quando i nostri a volte rischiano di abituarsi alla bellezza. Per l’audacia, sì perché di audacia c’è bisogno qui, di aver scelto per un’occasione speciale una città difficile, contraddittoria, scontrosa a volte, ma proprio per tutti questi motivi bellissima.

continua a leggere Domenico & Stefano: grazie!

1 Commento

Quello che mi ha insegnato Alice

DSC_0202

Ho letto Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie e Alice attraverso lo specchio da grande. Qualche manciata di settimane fa. In quel tunnel più o meno carico di meraviglie che è la metro. Andando avanti e indietro nel libro per capire proprio tutto o almeno quello che c’era da capire e godermi il resto.

E quello che ci ho trovato è stato un mondo sì fantastico, ma comunque un mondo possibile. Più vicino al nostro di quanto siamo soliti pensare.

continua a leggere Quello che mi ha insegnato Alice

Lascia un commento

Un anno in otto tempi

1502167_404072653092796_7896099765623010693_o

Ciao sono Simona e sono salsera da un anno. E forse anche per caso: perché le cose migliori della vita nascono così, quando la tua migliore amica ti chiama una domenica mattina di settembre e ti dice: andiamo a fare una prova.
Sono salsera convinta: quando improvviso passi che non conosco e poi sorrido per l’imbarazzo. Incosciente: ogni volta che mi affido a mani sconosciute e a sconosciuti cuori.

continua a leggere Un anno in otto tempi

Lascia un commento

Memorie di un’assistente (Roma e un hotel a cinque stelle)

roma

Mercoledì mattina. Il traffico di Napoli e un borsone sulle spalle e Miranda che chiama e una lista di cose da fare certamente più lunga del primo caffè della giornata.
E questa sono io versione Andrea Sachs a.C. (ovvero prima di Chanel).
La stessa – più o meno – che si è svegliata il giorno dopo nella 110 di un albergo, con la colazione servita in camera e con le più che lecite domande di quando ci si sveglia in un letto nuovo: “Dove sono? Come ci sono arrivata?”

continua a leggere Memorie di un’assistente (Roma e un hotel a cinque stelle)

Lascia un commento

Ti voglio bene, senza alibi

Aspettiamo: i compleanni, i natali, i funerali. Non importa quanto, noi aspettiamo: che sia il momento giusto. Che ci sia un motivo. E che sia valido, o almeno abbastanza a darci il permesso e il beneplacito e la benedizione divina. Abbiamo coscienza del tempo che passa, ma noi preferiamo aspettare: di trovare un alibi. Una scusa quantomeno plausibile, ai nostri occhi come a quelli del mondo intero. Un orario decente.

continua a leggere Ti voglio bene, senza alibi

Lascia un commento