• eventi

    Lovy bag by Trussardi (per quelle come noi)

    Una lovy bag è per quelle come me. Che il passaggio da una lezione all’università ad un evento glamour sta in una passata di rossetto rosso al semaforo. Che alla mia borsa chiedo di contenere tutta la mia vita (o almeno giornate chilometriche e bellissime come quella di ieri): che quindi sia capiente ma pur sempre leggera e dinamica.

  • persone

    Le “Regine” di Susi Sposito, tutte noi

    Siamo tutte un po’ Regine. Se un giorno dovessi avere una figlia, è questa la favola che le racconterei. Che nella vita – anche senza corona o almeno quella che non si compra in edicola con i lustrini di plastica – si può scegliere di diventare Regine. Perché essere tali è, al solito, una scelta: di coraggio e di libertà.

  • persone

    Giorgia Surina e quella fiction che l’ha portata a Napoli

    Una milanese, a Napoli, mi ha parlato di un’Italia nostra. A quel punto, nel bel mezzo del Galà del Cinema e della Fiction in Campania, penso che l’Italia nostra la facciano le persone che hanno talento. E quelle che sanno innamorarsi. Lei, Giorgia Surina, dice di essersi innamorata di Napoli durante le riprese di Non dirlo al mio capo, davanti al Castel dell’Ovo. E davanti al Maschio Angioino, dopo interminabili giornate di lavoro e fredde nottate sul lungomare, lei si è fermata per dare un’occhiata in giro. Ed è rimasta senza fiato.

  • eventi

    Human Faces, quando la disabilità è bellezza

    Disabilità è un concetto relativo. Un po’ come quello di bellezza. Sergio Goglia ha provato a immortalarle entrambe, disabilità e bellezza, nel progetto Human Faces. Art for life, una mostra fotografica itinerante – che è partita da Napoli e arriverà a New York arricchendosi ad ogni tappa intermedia – nata dall’idea, o forse vera e propria necessità, di richiamare l’ attenzione pubblica sulla promozione dei diritti dei disabili.

  • luoghi,  persone

    A passeggio tra i Vicoli Santi di Napoli

    C’è stato un tempo in cui ha desiderato farsi prete, poi è diventato stilista. Sì, ma di Vicoli Santi. Perché a Napoli, mi spiega nel suo Atelier in Via Dei Mille n. 1, in ogni vicolo c’è una piccola bacheca con un santo. E – aggiungerei – davanti ad ogni bacheca, ci sono sempre un mazzo di fiori e una bellissima donna che prega.

  • persone

    Amlé | Il Sud in un gioiello sartoriale

    Dagli occhi della Signora Marisa si vede il mare. Lo stesso – o quasi – che si vede da una terrazza caprese inondata dal sole. Con i limoni tutt’attorno e il pavimento in maioliche su cui ballare – scalzi – al ritmo di un tamburello.

  • luoghi

    Settimo Senso: di bellezza in pausa pranzo e di vino sulla pelle

    Napoli. Ora di punta. Piazza Borsa che è un luogo fatto di traffico e clacson e semafori e caffè presi al volo e gente che va e gente che viene e cose da fare e pratiche da sbrigare e studenti che corrono e uffici dove l’aria si fa a fettine. Proprio lì, al centro esatto della giungla urbana e del tran tran metropolitano, c’è una porticina.

  • persone

    Scianel è stata, comunque, un regalo

    Quando ti trovi faccia a faccia con una tipa così, capace di rappresentare Scianel pur essendo totalmente distante da ciò che Scianel rappresenta, capisci di avere di fronte un’artista. E, subito dopo, una donna dal carattere forte, viscerale ma semplice. Di quelle che amano ciò che fanno e fanno ciò che amano, ed hanno ben chiare in testa le cose belle della vita, le quali cose – nel caso di Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra La serie 2 – possono essere un giro in vespa, una giornata in barca, il terrazzo di casa propria.

  • progetti

    Tales from New York

    Venerdì pomeriggio vi racconto la storia di un viaggio. Lontano da qui nel tempo e nello spazio ma reso più che mai vicino da un libro, che come tale compie la magia di renderci partecipi di qualunque cosa esso voglia.