appunti

Buona primavera (in ritardo)

Buona primavera (in ritardo). A quelli che, come me, avranno anche smesso di credere al calendario (e all’oroscopo) ma non hanno (mai) smesso di sorprendersi.

Di fermarsi, a dispetto dei troppi impegni e del poco tempo. Di scattare una foto alla finestra col sole che sorge un lunedì mattina e di inviarla a qualcuno. Di crescere, anche se questo certe volte comporta tornare bambini e chiedersi: quando ho smesso di scrivere cartoline? A quelli che forse il destino non esiste ma esistono le possibilità che scegliamo di dare alla vita. Alle nascite e alle rinascite. Alla pazienza di aspettare l’estate, cominciando a viaggiare nella propria città (e anche sotto di essa) e mangiando cucunci e salmone affumicato di domenica sera. Alla voglia che ho di tulipani bianchi e camicie bianche. A mia mamma che vorrei fosse il tuo compleanno ogni giorno. Alle aspettative su sé stessi ma soprattutto al coraggio di darsi tempo, perché il Cesto delle occasioni è solo quello dei libri di fronte all’università.
Buona primavera (in ritardo) alla capacità che ha certe volte la vita di essere puntuale. Come il lunedì.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *