Casino con licenza europea

  1. list of au gambling sites: LeoVegas offre una vasta selezione di oltre 700 giochi da casinÚ online, la maggior parte dei quali sono slot machine, ma puoi anche giocare a giochi da tavolo popolari come roulette, blackjack, baccarat e molti altri.
  2. popular pokies machine for real money no download - Non vuoi vedere il Gorilla del casinÚ quando si arrabbia, ma ritardi inutili quando cerchi di effettuare un deposito o prelevare denaro faranno bollire il sangue del grosso.
  3. free deposit casino pokies for fun no download no registration: Come detto sopra, Setantabet ha bisogno di lavorare sul sito web e coloro che intendono utilizzare i dispositivi mobili probabilmente sentiranno questo bisogno piý acuto rispetto alle loro controparti che si affidano a computer desktop e laptop.

Slot casinÚ gratis

free australian pokies machines games
Puoi abituarti al gioco d'azzardo in un casinÚ online.
online pokies free credits new zealand
Vogliono ridurre al minimo la probabilitŗ di avere i soldi a sinistra dopo aver terminato la scommessa richiesta.
Il sito di poker era una filiale di Ultimate Gaming, un'entitŗ di casinÚ Station di proprietŗ della maggioranza.

Sequenza rosso nero roulette

money roll pokies online
Le combinazioni vincenti possono essere costituite da una vasta gamma di forme.
new pokies online best odds
Il tuo obiettivo Ť coprire completamente la griglia 5◊5 con le stelle o avvicinarti il piý possibile.
poker sites that except australia players

  • appunti

    La non replicabilità della bellezza

    Quando ero molto piccola, mi raccontano, un giorno osservando il mare dissi ai miei genitori: “Ho inventato una poesia. Ondeggia, ondeggia“. I miei genitori ne furono colpiti e mi lodarono molto. Io stessa, alla luce dei miei studi, riesco a cogliere un che di poetico in quella operetta naif. Fatto sta che, dopo qualche minuto, evidentemente galvanizzata dall’entusiasmo mostrato dai miei genitori, esclamai: “Ho inventato un’altra poesia. Ombrellone, ombrellone“. E no. Mia madre stronc√≤ sul nascere quel susseguirsi di ‘Sdraio, sdraio’, ‘sabbia, sabbia’, ‘paletta, paletta’ che avrei inevitabilmente prodotto. Ondeggia, ondeggia aveva davvero qualcosa di poetico, Ombrellone, ombrellone, no. Non era altro che un misero tentativo di replicare la bellezza,…

  • appunti

    Ciò che i fari mi hanno insegnato

    Fino ad un anno fa credevo che i fari esistessero soltanto nei romanzi di baleniere o nelle metafore sulle amicizie di lunga data. Quando poi alla mia strada verso il lavoro si √® sostituito il mare, l’ho visto: quel fascio di luce che taglia l’aria notturna e per un attimo ti fende lo sguardo, e quasi ti acceca. Ancora. E ancora. √ą il suo codice segreto per dirti: sei salvo, sei a casa. Fino ad un anno fa, pensavo che i fari appartenessero solo alle storie di vecchi dalla barba bianca e dal carattere burbero. Oggi i fari fanno parte anche della mia storia, della mia vita. Una vita da…

  • appunti

    Possiamo diventare professori, ma non smettiamo di essere alunni

    C’√® stato un tempo (sono abbastanza grande da averlo vissuto) dove sui social non c’erano i professori. Lo penso ogni volta che apro la sezione Ricordi di Facebook e resto interdetta davanti a episodi scolastici narrati con dovizia di particolari (talvolta nomi, cognomi, foto, disegni) dalla me studentessa di diversi anni fa. Rivedo me e le mie compagne di classe taggarci presso la scuola indicata con il geotag di un carcere, ci vedo sommerse dai dizionari di greco e latino, dalle calcolatrici-queste-sconosciute (ciao Varriale, se stai leggendo), o immortalate nell’atto di dare fuoco ad una pagina del nostro libro di storia. Resto basita da quanto fossi spudorata, all’epoca, a non…

  • appunti

    All too well e altri ritorni insperati

    Per chi si fosse perso questa notizia, Taylor Swift √® impegnata in un’operazione di ri-registrazione dei suoi primi album per rivendicare i diritti sulla sua musica, quella che ha scritto nella sua cameretta pi√Ļ di dieci anni fa e che pi√Ļ di dieci anni fa ascoltavo io nella mia. Un’operazione direi archeologica, capace di scavare nel passato e far riaffiorare tesori sepolti, messaggi nella bottiglia provenienti da qualche luogo inesplorato del cuore. A qualche settimana fa risale l’uscita di Red (Taylor’s Version), un album che come preannuncia il titolo √® fatto di amori a tinte rosse, passionali quanto tormentati, amori ventenni per sempre. Ed √® saltato subito agli occhi che…

  • appunti

    La gioia segreta di fine estate

    C’√® un momento, alla fine dell’estate, dove nel mezzo della nostalgia del rientro mi assale una gioia inaspettata. La gioia semplice di tornare a casa. Quella rilassante di dormire nel proprio letto. La gioia sincera del bidet. Del profumo di bucato. Quella rassicurante di riprendere le fila di quel libro che avevo lasciato a met√† perch√© c’era ancora troppo da leggere prima della partenza ma troppo poco per portarmelo in viaggio. La gioia fiduciosa delle liste di cose da fare, che domani √® pur sempre settembre. Dei conti da chiudere, delle porte da aprire. Dei negozianti che tolgono il cartello delle ferie.¬† La gioia vera dei caff√® con gli amici…

  • appunti

    ¬ęNiente posta la domenica¬Ľ. La lezione di zio Vernon nell’era dello smartworking

    Se zio Vernon lavorasse in smartworking insegnerebbe a tutti noi, lavoratori ai tempi del Covid, una regola semplice quanto sacrosanta: niente posta la domenica. E non parlo di lettere di convocazione per scuole di magia n√© di comunicazioni (altrettanto) urgenti: parlo di messaggi, videocall e telefonate di lavoro ‚ąí gufi bizzarri e stralunati del 2020 ‚ąí che arrivano a tutte le ore del giorno e della notte, weekend incluso. Niente posta la domenica: √® il manifesto di zio Vernon. √ą l’educazione che stiamo perdendo da quando le nostre stanze¬†non hanno pi√Ļ pareti ma sono diventate uffici, aule, sale riunioni aperte h24 e soprattutto sotto gli occhi di tutti. Come se…

  • appunti

    Da casa mia a casa vostra: la ricetta della pizza napoletana fatta in casa

    Da quando ho postato alcune stories sabato scorso, me l’avete chiesta in tanti¬†e chi non me l’ha chiesta mente o √® un pizzaiolo. Perch√© non so quante cose potremmo imparare da questa pandemia, ma di certo possiamo imparare a fare la pizza napoletana in casa.¬†E qui, in questa casa, di sabato sera mentre danno Conte alla tv sforniamo margherite come se non ci fosse un domani: perch√© se zona rossa dev’essere, ci sia almeno anche un po’ di mozzarella e basilico fresco a renderla pi√Ļ tollerabile. Cos√¨, durante questo assurdo 2020, di quarantena in quarantena, di dpcm in dpcm, abbiamo impastato, aspettato, condito, infornato e gustato pizze fatte in casa…

  • progetti

    Quando impari a struccarti

    Capisci che sei cresciuta quando impari a struccarti. E non parlo (soltanto) dell’atto di liberarsi metaforicamente delle strutture e sovrastrutture che mettiamo in piedi ogni giorno nel tentativo di offrire al mondo la versione migliore di noi stessi, che pure √® una cosa a cui sto lavorando. No, parlo proprio di quell’azione quotidiana che, a partire dalla prima (e rigorosamente ridicola) applicazione di make up risalente ai tempi delle scuole medie, ci dicono sia bene fare prima di andare a dormire. Un odioso rituale che generazioni e generazioni di donne ripetono con annoiata diligenza, ma spesso male. Ecco: capisci che sei cresciuta quando non solo impari a struccarti bene, ma…

  • appunti

    Cosa mi ha insegnato la polaroid

    La polaroid mi aiuta a tenere allenata quella capacit√† di riconoscere la bellezza che √® propria dei bambini, dei puri di cuore e dei turisti. Di valutare il grado di irreplicabilit√† delle cose in un tempo in cui abbiamo tutto il mondo in una mano ma poi non lo afferriamo mai davvero. La polaroid mi insegna ad essere consapevole che il fallimento ha un prezzo ma anche il coraggio ne ha uno e quel prezzo (oltre a quello della pellicola) si chiama rischio: il rischio che una foto venga storta, che venga sbilanciata, che venga sovraesposta. Il rischio che venga bellissima. La polaroid √® istantanea come alcuni amori ma allo…

  • appunti

    Prove tecniche di un lunedì (stra)ordinario

    Dal mio balcone su Napoli e da quella finestra sul mondo che √® il mio smartphone ho assistito oggi – luned√¨ 18 maggio – al ritorno alla normalit√† di ogni cosa. L’alzata delle saracinesche √® stata carica di un entusiasmo euforico misto a incertezza forse adolescenziale, ma sicuramente commovente. Il ritorno dei traffici e dei barbieri ci ha riportati per un attimo alla nostra vita di prima. E persino le moke, quelle un po’ pi√Ļ grandi, sono tornate a fare caff√® per gli amici. Questa mattina non abbiamo scoperto se siamo diventati migliori o peggiori (questa poi √® una scoperta di cui ognuno di noi far√† esperienza quando decider√† cosa…

  • progetti

    Un nuovo inizio. Una nuova gonna (con la moka)

    Il caff√® √® un affetto stabile.¬†E credo che su questo siamo tutti d’accordo. E in un luned√¨ pi√Ļ luned√¨ di tutti i tempi – quello che arriva pieno di speranze e di incertezze dopo quella che √® sembrata una lunghissima domenica pomeriggio – la moka diventa simbolo per eccellenza di un inizio.¬†Perch√© in casa mia, che in questo √® uguale ad ogni casa del Sud, quando si inizia qualcosa, qualsiasi cosa (una giornata di lavoro, una sessione di studio, una chiacchierata, un nuovo amore, una fase 2), si accende il fuoco e si mette su il caff√®.¬†E quel piccolo rito quotidiano che √® la sua preparazione – l’unico tutorial che…