Skip to content

Un completo gessato ci salverà

Settembre è arrivato, con la sua lista di cose da fare ma soprattutto di quelle da non fare più, con quella promessa confortante propria di tutti gli inizi, e con la sfilata di Sofia Colasante, che ha preso i nostri vorrei, potrei e dovrei, e ne ha fatto una collezione che ci ricorda di affrontarli tutti.

Su quella passerella a cielo aperto e mare tutto intorno che è stata la meravigliosa Torre Crestarella, abbiamo visto una donna sofisticata, comoda nei suoi vestiti e nelle sue consapevolezze, determinata a tenere il passo dei propri sogni. Pantaloni palazzo, cappotti avvolgenti contro le sferzate di vento, gonne di tulle impalpabile, abiti che luccicano, e completi più stilosi che mai. Perché questo autunno-inverno immaginato da Sofia Colasante è una vera e propria ode al gessato.

Questa iconica fantasia del mondo sartoriale maschile si diffuse circa cento anni fa, diventando l’uniforme non ufficiale nell’era del proibizionismo. Altero quanto basta, affascinante e misterioso, il completo gessato conserva in sé una certa dose di ambizione: un po’ gangster anni Venti, un po’ business man di Wall Street, oggi non può mancare nell’armadio di chiunque abbia imparato a dirsi bravo al momento opportuno.
Quindi sì, un completo gessato ci salverà – dalle mode che vanno e vengono, dagli stereotipi di ogni sorta, ma soprattutto dai vorrei, potrei, dovrei che rimangono al condizionale – e quello di Sofia sembra fatto apposta per riuscirci.

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasante

sofia colasantesofia colasante

sofia colasante

(foto di Antonino Sellitti)

 

Categories:appunti di moda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *